Venerdì, 11 Marzo 2016 00:00

Strada del Vino Costiera di Amalfi e Isola di Capri

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Marinai-contadini con “un piede sulla barca, un altro nella vigna” sono stati definiti gli abitanti della Costiera Amalfitana. La natura ha creato paesi di case una sull’altra, di viuzze tortuose, di piccoli slarghi, e spinto le coltivazioni su faticati ripiani e terrazze artificiali. Qui vengono coltivati i vitigni tradizionali, che, però, l’isolamento e la faticosa quotidiana frequentazione hanno dotato di nomi locali.

Così la Falanghina è diventata Bianca Zita; la Biancolella, Bianca Tenera; lo Sciascinoso, Olivella, I vini che se ricavano sono raccolti nella Doc Costa d’Amalfi. La Strada che porta a conoscerli si snoda tortuosa, seguendo le asprezze della costa, in mezzo a terrazze a strapiombo che sorreggono vigneti pensili e aprono all’improvviso squarci di mare. Le cittadine si adagiano su contrafforti o in valloni e mostrano le splendide architetture della loro storia gloriosa. Fra tutti: Amalfi, con il Duomo e il Chiostro del Paradiso, e Ravello, con case e palazzi che conservano il ricordo dei commerci con l’oriente, e lo splendido Duomo.

Anche la Costiera, come molto altri luoghi del Mediterraneo, aveva le proprie Sirene: secondo una delle numerose tradizioni, sono gli scogli Li Galli il luogo da cui le ammaliatrici cercarono invano di convincere Ulisse a seguire il loro canto melodioso: le orecchie tappate di cera permisero all’eroe di superare indenne la tentazione. Un’opera molto più tarda, però, scredita Odisseo: secondo un Dialogo sugli eroi del III secolo, sarebbero state, invece, le Sirene a rifiutare quel marinaio ormai appassito.

L’Isola di Capri da più di due millenni ospita l’uomo, che vi ha trovato le migliori condizioni di vita. Prima che di folle di turisti, di ricchi borghesi, di raffinati intellettuali, di stranieri in cerca di sole, l’isola è stata residenza di imperatori romani: Augusto e soprattutto Tiberio che fece costruire Villa Jovis. Dell’edificio, di proporzioni grandiose, restano solo i ruderi in posizione favolosa. Secondo Svetonio, l’imperatore, temendo tradimenti e congiure, la volle a Capri perché “vi si giungeva da un solo lato, su una spiaggia ristretta, circondata da rocce a picco, di grande altezza e da un mare profondo”. La coltivazione della vite ha accompagnato i millenni; i pendii terrazzati e le pendici del monte Solaro accolgono ancora i vigneti che producono uve di Falanghina, di Biancolella, di Greco, di Piedirosso da cui si ricavano i vini della Doc Capri.

Read 1208 times Last modified on Martedì, 09 Maggio 2017 01:37
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni