FORASTERA

Varietà: 083 FORASTERA - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Forastera | Assovini.it


Il vitigno Forastera, a bacca bianca, viene coltivato nelle regioni CampaniaLazio e Sardegna.

Gli eubei, primi colonizzatori greci dell'isola d'ischia, importarono la vite in Italia verso la il VII sec. a.C. La Biancolella trovò l'habitat ideale ad Ischia, isola di origine vulcanica, sede di fonti naturali di acqua termale, minerali e radiattive. Durante il periodo critico della fillossera fu importato un vitigno forestiero (da cui Forastera) più resistente alla malattia. Di difficile coltura tanto che l'istituto agrario di portici ne consigliò l'espianto subito dopo che fu trovato un rimedio alla crittogama, ma ormai il vitigno aveva allignato ed oggi produce vini di discreto valore.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: grande, quasi orbicolare, penta o trilobata.
    • Grappolo: medio, cilindrico o piramidale, può essere alato, piuttosto spargolo.
    • Acino: medio, ellissoidale 
    • Buccia: pruinosa, sottile e di colore giallo paglierino con sfumature verdi.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Forastera si ricava un vino di grado alcolico e acidità contenuti, dal colore giallo paglierino tenue, con aromi freschi e corpo delicato. Si tratta di bianchi freschi, in genere vinificati in acciaio, che vanno bevuti giovani. 

FORASTERA

Varietà: 083 FORASTERA - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Forastera | Assovini.it


Il vitigno Forastera, a bacca bianca, viene coltivato nelle regioni CampaniaLazio e Sardegna.

Gli eubei, primi colonizzatori greci dell'isola d'ischia, importarono la vite in Italia verso la il VII sec. a.C. La Biancolella trovò l'habitat ideale ad Ischia, isola di origine vulcanica, sede di fonti naturali di acqua termale, minerali e radiattive. Durante il periodo critico della fillossera fu importato un vitigno forestiero (da cui Forastera) più resistente alla malattia. Di difficile coltura tanto che l'istituto agrario di portici ne consigliò l'espianto subito dopo che fu trovato un rimedio alla crittogama, ma ormai il vitigno aveva allignato ed oggi produce vini di discreto valore.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: grande, quasi orbicolare, penta o trilobata.
    • Grappolo: medio, cilindrico o piramidale, può essere alato, piuttosto spargolo.
    • Acino: medio, ellissoidale 
    • Buccia: pruinosa, sottile e di colore giallo paglierino con sfumature verdi.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Forastera si ricava un vino di grado alcolico e acidità contenuti, dal colore giallo paglierino tenue, con aromi freschi e corpo delicato. Si tratta di bianchi freschi, in genere vinificati in acciaio, che vanno bevuti giovani. 

FORASTERA

Varietà: 083 FORASTERA - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Forastera | Assovini.it


Il vitigno Forastera, a bacca bianca, viene coltivato nelle regioni CampaniaLazio e Sardegna.

Gli eubei, primi colonizzatori greci dell'isola d'ischia, importarono la vite in Italia verso la il VII sec. a.C. La Biancolella trovò l'habitat ideale ad Ischia, isola di origine vulcanica, sede di fonti naturali di acqua termale, minerali e radiattive. Durante il periodo critico della fillossera fu importato un vitigno forestiero (da cui Forastera) più resistente alla malattia. Di difficile coltura tanto che l'istituto agrario di portici ne consigliò l'espianto subito dopo che fu trovato un rimedio alla crittogama, ma ormai il vitigno aveva allignato ed oggi produce vini di discreto valore.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: grande, quasi orbicolare, penta o trilobata.
    • Grappolo: medio, cilindrico o piramidale, può essere alato, piuttosto spargolo.
    • Acino: medio, ellissoidale 
    • Buccia: pruinosa, sottile e di colore giallo paglierino con sfumature verdi.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Forastera si ricava un vino di grado alcolico e acidità contenuti, dal colore giallo paglierino tenue, con aromi freschi e corpo delicato. Si tratta di bianchi freschi, in genere vinificati in acciaio, che vanno bevuti giovani. 
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni