DURELLA

Varietà: 077 DURELLA - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 - Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Durella | Assovini.it


Il vitigno Durella, a bacca bianca, viene coltivato nelle regioni Emilia-RomagnaToscana e Veneto.

Il nome Durella sembra derivi dalla elevata durezza e resistenza dell’acino alle alterazioni. Nei primi decenni del '900 il vino "durello" si vinificava con macerazione delle parti solide e quindi si presentava acidulo, intensamente colorato e astringente, e si prestava molto bene ad aumentare il tenore acido di altri vini. Verso gli anni sessanta si passò alla vinificazione "in bianco", ottenendo un prodotto molto gradevole. Il suo palato caratteristico e l'elevata acidità lo rendono particolarmente adatto alla spumantizzazione.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: media, trilobata o intera.
    • Grappolo: medio, corto e tozzo, spesso con un'ala, leggermente compatto.
    • Acino:  medio, ovoidale
    • Buccia: spessa e resistente, pruinosa, di colore verde giallastro o dorata.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • La Durella dà un vino dal colore giallo paglierino, più o meno carico, dall’odore delicatamente fruttato e caratteristico. In bocca è molto fresco, dal sapore asciutto e di corpo.

FAMOSO

Varietà: 420 FAMOSO - Data di ammissione al Registro: 27/03/2009 - Gazzetta ufficiale: G.U. 146 - 26/06/2009


Vitigno Famoso | Assovini.it


Il vitigno Famoso, a bacca bianca, viene coltivato nella regione Emilia-Romagna.

Il Famoso è un vitigno riscoperto in Romagna dopo anni di abbandono per merito di alcuni vignaioli che vi hanno creduto e sta ora tornando a far parte a pieno titolo dell'offerta enologica di questa regione. In passato, per i profumi e gli aromi che lo caratterizzano, oltre che per la vinificazione, veniva utilizzato anche per la produzione di uva da tavola, venduta fresca per lo più nei mercati rionali che animavano le città e i paesi. Proprio a causa della sua aromaticità fu quasi completamente abbandonato, non adattandosi ad un mercato che richiedeva un prodotto più “anonimo”. Oggi, al contrario, dato che profumi e aromi costituiscono un punto di forza dei vini, il “Famoso” torna a far parlare di sè, raccontandoci in un bicchiere la sua storia e il suo territorio.

Attualmente coltivato nelle zone di Forlì, Bertinoro, Faenza, Brisighella e Bagnacavallo, se ne ricavano vini caratterizzati dagli aromi intensi simili a quelli del Moscato, con note fiorali dolci, di frutta matura, esotica e frutta essiccata.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: cuneiforme, trilobata o quasi intera.
    • Grappolo: medio, corneo, spesso con un'ala, tendenzialmente spargolo.
    • Acino: medio, troncovoide.
    • Buccia: di colore verde-giallo, abbastanza spessa e consistente.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Il vino prodotto con uve Famoso presenta un colore giallo paglierino tenue, che può assumere riflessi verdolini, e una buona intensità olfattiva con sentori caratteristici che rimandano al Moscato e che consentono di ascriverlo tra i vitigni aromatici.

FIANO

Varietà: 081 FIANO - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 - Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Fiano | Assovini.it


Il vitigno Fiano, a bacca bianca, viene coltivato nelle regioni: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria.

Il Fiano è un vitigno che produce "Uve Apianee", così erano definite da Plinio perché le api ne andavano ghiotte. La limitata coltivazione del vitigno Fiano è concentrata particolarmente nell'avellinese, ambiente particolarmente favorevole alla coltura dei noccioleti di cui questo vino è ricco di aroma. Tuttavia questa interpretazione non è più accettata poichè ad essere attratte dalle uve non sono le api, bensì le vespe. Per questo motivo il termine Appiano deriverebbe, secondo alcuni autori, da una varietà di mela che prende il nome di un tale Appio (Plinio). Secondo Strabone le Apiane sono state portate dai coloni pelagici dal Peloponneso.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: orbicolare, di media grandezza, trilobata o pentalobata.
    • Grappolo: piccolo o medio, serrato, piramidale con un'ala piuttosto sviluppata.
    • Acino: medio, ellissoidale 
    • Buccia: resistente, giallo dorata, con scarsa pruina.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Il vino ottenuto dal vitigno Fiano in purezza si presenta con un colore giallo paglierino più o meno intenso con i tipici aromi di nocciola tostata, pera e spezie, dotato di lunga persistenza e spesso grande complessità.

FOGARINA

Varietà: 393 FOGARINA - Data di ammissione al Registro: 9/01/2007 - Gazzetta ufficiale: G.U. 38 - 15/02/2007


Vitigno Fogarina | Assovini.it


Il vitigno Fogarina, a bacca nera, viene coltivato nella regione Emilia-Romagna.

Il Fogarina è un vitigno che deve la sua fama al ritornello di una canzone popolare "Oh com'è bella l'uva fogarina, oh come è bello saperla vendemmiar". Il vitigno Fogarina era importante per la viticoltura emiliana della prima metà del Novecento, quando era la varietà più coltivata in provincia di Reggio Emilia, dopo l'Ancellotta. Negli ultimi decenni la sua coltivazione è stata progressivamente abbandonata e sostituita dal Fortana e dal Lambrusco Maestri. E' chiamata anche Fogarina di Gualtieri, dal comune che costituisce il suo principale centro di diffusione anche se le sue origini rimangono incerte. Alcuni asseriscono che sarebbe stata rinvenuta in un bosco nei dintorni di Guastalla chiamato Fogarin, probabilmente trasportata li da un'alluvione del Po. Altri ritengono che il nome Fogarin derivante dalla capacità di donare fuoco alle altre uve più scadenti, le quali da sole darebbero vini fiacchi.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: grande, pentagonale, tri o pentalobata
    • Grappolo: medio, piramidale, spargolo e dotato di un'ala.
    • Acino: medio, sub rotondo 
    • Buccia: spessa e coriacea, di colore blu nero.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Il vitigno Fogarina dà un vino di colore rosso violaceo, con profumo intensamente fruttato. Il sapore è molto tenue, asciutto, morbido, più o meno abboccato, frizzante, con spuma persistente rossa ed abbondante.
Pagina 5 di 19
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni