REFOSCO DAL PEDUNCOLO ROSSO

Varietà: 205 REFOSCO DAL PEDUNCOLO ROSSO - Data di ammissione al Registro: 22/03/1971 - Gazzetta ufficiale: G.U. 98 - 24/04/1971


Vitigno Refosco dal peduncolo rosso | Assovini.it


Il vitigno Refosco dal Peduncolo Rosso, a bacca nera, viene coltivato nelle regioni Basilicata, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto.

Il Refosco dal Peduncolo Rosso è un antico vitigno friulano e deve il suo nome alla particolare colorazione rossa del peduncolo in epoca di maturazione. La famiglia dei Refoschi appare numerosa e solo verso la fine dell'Ottocento, si cominciano a evidenziare le sue differenze rispetto agli altri componenti. Durante gli anni Ottanta e Novanta l'ISperViti di Conegliano Veneto ha intrapreso una serie di verifiche ampelografiche, isoenzimatiche e molecolari per fare luce sulle differenze tra i vari Refoschi, correlandoli anche con altre varietà.

I risultati riportano innanzitutto che il Refosco dal Peduncolo Rosso è distante dall'altro gruppo dei Refoschi, da cui si deduce che il "vero" Refosco è quello dal Peduncolo Rosso mentre gli altri ne portano il nome pur non avendo nulla a che fare con questo. Si evince, inoltre, che il Refosco dal Peduncolo Rosso si associa piuttosto a un gruppo di vitigni del quale fanno parte il Primitivo, il Corvina, il Piculit Neri e il Pinot Nero.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: grande, pentagonale, tondeggiante, trilobata
    • Grappolo: medio-grande, piramidale, alato, mediamente spargolo, caratterizzato dal "peduncolo" di colore rosso
    • Acino: medio, sferoidale 
    • Buccia: spessa, mediamente pruinosa, di colore blu-nero


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Refosco dal peduncolo rosso si ottiene un vino dal colore rosso rubino profondo, con profumo intenso e fruttato, con note di marasca e frutti di bosco. La grande persistenza gusto-olfattiva conferma un sapore disposto su una struttura piena, leggermente tannica e amarognola.

REFOSCO NOSTRANO

Varietà: 206 REFOSCO NOSTRANO - Data di ammissione al Registro: 22/03/1971 - Gazzetta ufficiale: G.U. 98 - 24/04/1971


Vitigno Refosco Nostrano | Assovini.it


Il vitigno Refosco Nostrano, a bacca nera, viene coltivato nelle regioni AbruzzoFriuli Venezia Giulia.

Il Refosco Nostrano è un vitigno che occupa un posto abbastanza importante nella grande famiglia dei Refoschi, nella quale appartengono anche il più famoso Refosco dal peduncolo rosso e il Terrano. Non esistono informazioni certe sulla sua origine, sicuramente le prime tracce si hanno nel comune di Torreano e Faedis, in provincia di Udine. Refosco di Faedis e Refoscone, sono suoi sinonimi, così come riportato nel Registro nazionale varietà di vite.

Diffuso da sempre in tutto il Friuli-Venezia Giulia, un tempo era una delle sua varietà principali, soprattutto grazie alla sua elevata produttività, ma recentemente è stato via via abbandonato, e sostituito dal più "nobile" Refosco dal peduncolo rosso.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: media, tondeggiante, trilobata o quinquelobata.
    • Grappolo: medio-grande, piramidale o cilindrico, allungato, talvolta alato, piuttosto compatto.
    • Acino: medio-grande, subrotondo o appena ovale 
    • Buccia: consistente, molto pruinosa, di colore nero-bluastro.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Refosco Nostrano si ottiene un vino di colore rosso rubino intenso. Al naso è vinoso, poco caratteristico, leggermente erbaceo con debole sentore di prugna secca e mora selvatica. In bocca è acidulo e astringente, sapido, talvolta aggressivo, di buon corpo.

RIBOLLA GIALLA

Varietà: 208 RIBOLLA GIALLA - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 - Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Ribolla Gialla | Assovini.it


Il vitigno Ribolla Gialla, a bacca bianca, viene coltivato nella regione Friuli Venezia Giulia.

La Ribolla Gialla è un vitigno antichissimo coltivato nelle province di Gorizia e Udine, ma diffuso anche nelle colline slovene della "Goriska Brda" e, per il passato, in Istria. Per taluni Autori la Ribolla corrisponderebbe all'"Avola" dei romani, mentre altri sostengono che il "Pucinum" romano avesse come base la Ribolla.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: grandezza media, quasi intera o con accenni a tre lobi, rotondeggiante.
    • Grappolo: piuttosto piccolo, cilindrico-piramidale, di media compattezza.
    • Acino: medio, un po' discoide.
    • Buccia: pruinosa, di color giallo alabastrino, punteggiata, poco spessa, con ombelico persistente.


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Ribolla Gialla si ottiene un vino di colore giallo paglierino, con sfumature e riflessi verdognoli. All'olfatto ha un profumo piacevole e delicato, con note di fruttato e di floreale, finemente elegante. Il sapore è leggero e aromatico, secco e di persistenza. E' un vino che deve essere consumato entro i primi due anni affinchè possa esperimere in pieno tutte le sue caratteristiche.

RIESLING ITALICO

Varietà: 209 RIESLING ITALICO - Data di ammissione al Registro: 25/05/1970 - Gazzetta ufficiale: G.U. 149 - 17/06/1970


Vitigno Riesling Italico | Assovini.it


Il vitigno Riesling Italico, a bacca bianca, viene coltivato nelle regioni Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Veneto.

Il Riesling Italico, di origine incerta, pare abbia delle analogie con il vitigno Greco di Tufo. Se così fosse il Riesling Italico discenderebbe dall’Animea Gemella, vitigno già descritto da Columella e utilizzato dai Romani per la produzione del vino Animeo. Secondo alcuni Autori la varietà potrebbe essere invece originaria della Francia, ma nulla toglie che possa essere pervenuta da qualche paese dell’Europa centrale. Era, infatti, diffusa lungo la Drava, la Sava e il Danubio fin dalla seconda metà del secolo scorso. Da qui il Riesling si sarebbe diffuso in Veneto con il dominio Austro-Ungarico, giungendo in Oltrepò alla fine del 1800.

Il Riesling Italico si presta, inoltre, ad un leggero invecchiamento e alla produzione di vini spumanti e frizzanti. Viene inoltre impiegato in alcune DOC in uvaggi con vitigni bianchi locali per esaltarne le doti.


  • Caratteristiche del vitigno
    • Foglia: media, orbicolare, trilobata o intera.
    • Grappolo: piccolo, tozzo, cilindrico, spesso alato, compatto.
    • Acino: medio-piccolo, sferoidale.
    • Buccia: sottile, consistente, pruinosa, di colore giallo dorato.

 


  • Caratteristiche sensoriali del vino
    • Dal vitigno Riesling Italico si ottiene un vino di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso è fruttato, con note di mela cotogna e albicocca, talvolta con lievi sentori minerali. Al palato è fresco e asciutto, di medio corpo, con leggero retrogusto amarognolo, adatto alla produzione di vini sia tranquilli, sia frizzanti o spumanti.
Pagina 9 di 13
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni