CINQUE TERRE E CINQUE TERRE SCIACCHETRA' DOC

Vino a Denominazione di Origine Controllata - Approvato con D.P.R. 29.05.1973, G.U. 217 del 23.08.1973 


--- Confine regionale    --- Confine provinciale  ♦ Zona di produzione

 


Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà D.O.C.


1. Tipologie e Uve del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà

 

  • Cinque Terre (Vino Bianco)
  • Versioni: Secco
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 11,50% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco dal colore giallo paglierino più o meno intenso, vivo, dal profumo intenso, netto, fine, persistente e sapore secco, gradevole, sapido, caratteristico.

  • Cinque Terre Sciacchetrà (Vino Bianco)
  • Versioni: Abboccato, Amabile, Dolce
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 17% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco dal colore giallo dorato con riflessi ambrati, di bella vivacità e profumo intenso di vino passito, caratteristico profumo di miele, piacevole, dal sapore da abboccato a dolce, armonico, di buona struttura e di buon corpo, piacevole e lungo in bocca con retrogusto mandorlato.

  • Cinque Terre Sciacchetrà Passito (Vino Bianco Passito)
  • Versioni: Abboccato, Amabile, Dolce
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 17% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco Passito dal colore da dorato fino ad ambrato, profumo intenso di vino passito, piacevole, caratteristico, dal sapore da abboccato a dolce, armonico, di buona struttura e di buon corpo, piacevole e lungo in bocca con retrogusto mandorlato, gradevole.

  • Cinque Terre Sciacchetrà Riserva (Vino Bianco Invecchiato)
  • Versioni: Abboccato, Amabile, Dolce
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 17% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco Invecchiato dal colore da dorato fino ad ambrato, profumo intenso di vino passito, piacevole, caratteristico, dal sapore da abboccato a dolce, armonico, di buona struttura e di buon corpo, piacevole e lungo in bocca con retrogusto mandorlato, gradevole.

  • Cinque Terre Sottozona Costa de Sera (Vino Bianco)
  • Versioni: Secco
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 11,50% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco dal colore giallo paglierino più o meno intenso, vivo, odore intenso, netto, fine e persistente, composito e sapore secco, sapido, intenso, gradevole.

  • Cinque Terre Sottozona Costa de Campu (Vino Bianco)
  • Versioni: Secco
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 11,50% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco dal colore giallo paglierino più o meno intenso, vivo, odore intenso, netto, fine e persistente, composito e sapore secco, sapido, intenso, gradevole.

  • Cinque Terre Sottozona Costa da Posa (Vino Bianco)
  • Versioni: Secco
  • => 40% Vitigno Bosco
  • =< 40% Vitigni Albarola e Vermentino, da soli o congiuntamente;
  • =< 20% Vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella provincia di La Spezia.
  • => 11,50% Vol. Titolo alcolometrico.
  • Vino Bianco dal colore giallo paglierino più o meno intenso, vivo, odore intenso, netto, fine e persistente, composito e sapore secco, sapido, intenso, gradevole.

__________

(Legenda simboli: > maggiore di; < minore di; >< da-a; = uguale a; => uguale o maggiore di; =< uguale o minore di).


2. Territorio e Zona di produzione del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà

L'area geografica vocata alla produzione del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà si estende nella parte orientale della Liguria e comprende un territorio caratterizzato da vigneti situati per la maggior parte in alta collina, terrazzati e di superficie media ridotta, adeguatamente ventilati, luminosi e favorevoli all'espletamento di tutte le funzioni vegeto-produttive.

La Zona di Produzione del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà è localizzata in:

  • provincia di La Spezia e comprende il territorio dei comuni di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso e, in parte, il territorio del comune di La Spezia, denominato "Tramonti di Biassa" e "Tramonti di Campiglia".

Le Zone di Produzione del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà - Sottozone: 1) Costa de Sera; 2) Costa de Campu; 3) Costa de Posa, sono localizzate in:

  • provincia di La Spezia e sono comprese nel territorio del comune di Riomaggiore.

3. Vinificazione e Affinamento del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà

Nelle fasi di vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti della zona atte a conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche di qualità.

Le pratiche enologiche di vinificazione del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà prevedono, tra l'altro, che:

  • La resa massima dell’uva in vino DOC Cinque Terre con le sottozone Costa de Sera, Costa de Campu e Costa de Posa non dovrà essere superiore al 70% e al 35% per la tipologia di Cinque Terre Sciacchetrà; nel caso tali parametri venissero superati entro il limite del 5%, l'eccedenza non potrà avere diritto alla DOC. Oltre detti limiti decade il diritto alla DOC per tutto il prodotto.
  • Le uve destinate alla produzione del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà devono essere sottoposte ad appassimento naturale fino a raggiungere un tenore zuccherino di almeno 17°.
  • Il Vino DOC Cinque Terre Sciacchetrà non può essere immesso al consumo se non dopo il 1° novembre dell'anno successivo alla vendemmia.
  • Il Vino DOC Cinque Terre Sciacchetrà Riserva non può essere immesso al consumo prima del 1° novembre del 3° anno successivo alla vendemmia.
  • Sulle etichette di ciascuna tipologia di Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà è facoltativo riportare l'annata di produzione delle uve, ma è obbligatorio per le tipologie Cinque Terre Riserva e Cinque Terre con la specificazione delle sottozone.

4. Produttori di Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà

Con l’utilizzo della DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà i Produttori Vinicoli Liguri sono orgogliosi di presentare al consumatore un Vino di Qualità che ha più cose da raccontare rispetto ad altri: da dove proviene, come viene lavorato, le origini storiche e le caratteristiche che lo identificano in un territorio ben definito che l'appassionato o l'estimatore potrà maggiormente percepire ed apprezzare durante la Visita alle Cantine che operano nell'ambito di questa denominazione.


5. Abbinamenti gastronomici con il Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà

Formaggio di S. Stefano d'Aveto, mitili di La Spezia, dolci a pasta non lievitata come e canestrelli, pandolce genovese.


6. Storia e Letteratura del Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà

Cinque Terre e' il nome di un tratto della Riviera Ligure di Ponente che riunisce i comuni di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. E' una terra in cui vengono coltivati vitigni tipici e caratteristici quali l'Albarola, il Bosco e il Vermentino. I primi due hanno origini ignote mentre il Vermentino, introdotto in queste terre solo recentemente, prima era chiamato Piccabon, e non aveva alcuna relazione con il vino prodotto nelle Cinque Terre.

Le prime notizie certe della presenza di attività viticole nella zona delle Cinque Terre risalgono ai secoli Vi-V a.C., quando i Greci, abili navigatori e commercianti, approdano sui lidi della Riviera Ligure, portandosi prima del vino e dopo, dato il minor costo, producendolo in loco. E' molto probabile che in seguito i vini della zona avessero trovato una via commerciale nel vino golfo della Spezia, presso il gran porto di Luni, popolosa e commerciante città dell' Etruria. 

Plinio proclama i vini di Luna come i migliori d'Etruria (Etruriae palmam Luna habet).

Alla fine del XI secolo, con la formazione dei Comuni, una rete di rapporti commerciali e culturali favorisce lo sviluppo dell'agricoltura nella zona delle Cinque Terre. Nel Medioevo si verifica in tutta la Riviera Ligure di Levante una notevole espansione demografica, che determina una ulteriore espansione delle aree coltivabili.

Le coltivazioni principali dell'epoca, la vite e l'olivo, probabilmente insieme ad altre colture orticole, sfruttano ogni spazio conquistato nell'acclività del versante, con appezzamenti sostenuti da muretti a secco (fasce terrazzate o terrazze).

Nel XVIII e nel XIX secolo la zona delle Cinque Terre si specializza nella produzione di vino. La massima espansione dei terrazzamenti coltivati avviene ne l corso dell'800, con l'espansione demografica. Molti testi descrivono i vigneti e gli uliveti terrazzati, notando “l'industria dei coltivatori liguri, superiore a quanto si conosca al mondo in questo genere”.

Riportando una testimonianza della vita contadina dei primi del 1900, tratta da "Straniero Indesiderabile" di P. Riccobaldi: " Quelli erano tempi veramente duri. La miseria era spaventosa, a Manarola l'unica risorsa era il vino prodotto da terra avara che richiedeva durissimo lavoro e sovrumani sacrifici. Emigrare, cercare lavoro fuori era considerato come una dichiarazione di resa. Perciò quasi tutti rimanevano aggrappati ai loro vigneti, orgogliosi di essere proprietari, di lavorare in proprio."

Nel 1920 le Cinque Terre furono colpite dalla più grave calamità della loro storia millenaria. In quell'anno la viticoltura fu colpita dalla filossera, un parassita delle piante, che distrusse irrimediabilmente tutti i tipi di vigna coltivati. All'inizio degli anni '30 le vigne erano decimate e vasti spazi incolti. Dopo quella distruzione gli abitanti ricostruirono i vigneti con l'impianto delle barbatelle di vite americana poi innestate coi i vitigni locali tradizionali.

La nascita nel 1973 della Cantina sociale nonché Cooperativa Agricola, e la messa in opera di numerose monorotaie con carrelli per il trasporto di materiali e persone, anche su pendenze molto accentuate, hanno ridato impulso, insieme ad altri interventi, all'attività tradizionale per eccellenza delle Cinque Terre: l'agricoltura.

Nel 1999 è stato istituito il Parco nazionale delle Cinque Terre il cui territorio si estende dalla zona di Tramonti di Biassa e di Campiglia, nel comune della Spezia al comune di Levanto. Il Parco ha la particolarità di essere l'unico in Italia finalizzato alla tutela di un ambiente antropizzato, uno degli scopi è infatti la tutela dei terrazzamenti e dei muri a secco che li sorreggono.

La letteratura sul vino delle Cinque Terre e' vasta, ma non c'e' verso o citazione che possa esprimere l'emozione profonda che dona la vista dei suoi vigneti inerpicati ai limiti del praticabile per coste scoscese che, in pochi metri, si trasformano da scogliera in montagna, evocando il concetto di collina solo per assenza recidiva.

La base ampelografica dei vigneti è caratteristica e riguarda vitigni presenti solo nel territorio delimitato come il Bosco, il Vermentino e l’Albarola che ne evidenziano originalità e legame con la tradizione. Le forme di allevamento sono tradizionali e nel tempo non si sono mai discostate da quelle tradizionalmente utilizzate in passato.

Recentemente le tecniche enologiche, a vent’anni dal riconoscimento DOC nazionale, hanno portato gli operatori a selezionare maggiormente le caratteristiche peculiari che il fattore ambiente esalta e a migliorare in cantina un prodotto che, già dalla vigna e dalle caratteristiche delle uve, ha le note del territorio.

Il Vino DOC Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà ha ottenuto il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata in data 29 maggio 1973.

Additional Info

  • Regione: Liguria
  • Tipologie: Vino Bianco
  • Versioni: Secco - (Vino privo di residuo zuccherino), Abboccato - (Vino leggermente dolce), Amabile - (Vino mediamente dolce), Dolce - (Vino dolce), Passito - (Vino ottenuto dall'appassimento delle uve), Riserva - (Vino sottoposto ad invecchiamento)
  • Denominazione: D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata)
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni