Assovini

Assovini

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pomodoro S.Marzano dell'Agro Sarnese-Nocerino DOP ATTENZIONE: Si rammenta che le domande di adesione al sistema di controllo dovranno essere presentate ad AGROQUALITA' S.P.A entro il e non oltre il 30 maggio complete in tutte le sue parti e degli allegati richiesti. Le domande che non rispettano tali requisiti non saranno prese in carico. D.O.P. registrata con Reg. (CE) n. 1263/96 del 01/07/1996 pubblicato su G.U.C.E. n. 163 serie L del 02/07/1996 Il Pomodoro (San) Marzano dell'Agro Sarnese-Nocerino è ottenuto da piante delle varietà (San) Marzano 2 e KIROS (ex Selezione Cirio 3). La zona di produzione corrisponde ai Comuni della zona dell’Agro-Nocerino-Sarnese e della zona Acerra-Nolano, attorno al Vesuvio. La resa massima in campo è di 80 tonnellate per ettaro e la resa in prodotto trasformato è inferiore all'80%. La raccolta dei frutti è compresa tra il 30 luglio ed il 30 settembre e deve essere eseguita esclusivamente a mano. La Denominazione è riservata ai frutti interi o a filetti ottenuti dalla pelatura delle bacche. Il Pomodoro San Marzano dell'Agro Sarnese-Nocerino D.O.P. è confezionato in contenitori di vetro e in scatole di banda stagnata di diversa capacità. (per tutte le comunicazioni si invita ad utilizzare la mail dedicata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Pomodorino del piennolo del vesuvio DOP AVVISO: IL NUOVO DISPOSITIVO DEI CONTROLLI E RELATIVA DOCUMENTAZIONE SARA' PUBBLICATO AD AVVENUTA APPROVAZIONE DA PARTE DEL MIPAAFT D.O.P. registrata con Reg. (UE) n. 1238 del 12/11/2009 pubblicato su G.U.C.E. n. 332 serie L del 17/12/2009 Il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio è ottenuto dal frutto degli ecotipi di pomodorini della specie Lycopersicon esculentum Mill. La zona di produzione ricade nei Comuni che insistono nell’area del Vesuvio. La raccolta dei pomodorini deve essere eseguita a mano, nel periodo compreso tra il 20 giugno e il 31 agosto, la produzione unitaria massima è fissata in 16 tonnellate per ettaro. Il prodotto può essere venduto: fresco, allo stato di bacche o di grappoli posti alla rinfusa in idonei contenitori; oppure può essere conservato con la caratteristica struttura a “piennolo”, sistemando i grappoli raccolti su un filo di fibra vegetale, legato a cerchio, così da comporre un unico grande grappolo, dal peso, a termine conservazione, compreso fra kg 1 e 5. I “piennoli”, così ottenuti, vanno tenuti sospesi da terra mediante ganci o su idonei supporti, in luogo asciutto e ventilato.

Pecorino delle Balze Volterrane DOP D.O.P. registrata con Reg. (UE) n. 217/2015 del 17 febbraio 2015 pubblicato in G.U.C.E. n. 47/9 serie L del 20/02/2015 Il Pecorino delle Balze Volterrane DOP è prodotto nei comuni di Volterra, Pomarance, Montecatini, Val di Cecina, Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi, ubicati in provincia di Pisa. È un formaggio prodotto esclusivamente con caglio vegetale e latte ovino crudo intero rispondente a seconda del periodo di stagionatura, a quattro tipologie: “fresco”, “semistagionato”, “stagionato”,” da asserbo”. Per i prodotti con una stagionatura superiore ai 30 giorni, parte del processo di stagionatura può avvenire in grotte di tufo, o fosse in argilla presenti nei comuni sopra citati. Al consumo il prodotto si presenta di forma cilindrica a facce piane con scalzo dritto o leggermente convesso, la pasta varia dal bianco al paglierino più o meno intenso in base al periodo di stagionatura, il profumo ricorda il latte ed il cardo selvatico, con sentori di erbe aromatiche e fiori, il sapore risulta al primo assaggio dolce con sentori di latte e floreali con finale piccante caratteristica che varia a seconda del periodo di stagionatura.

Pecorino del Monte Poro DOP Dop registrata con Reg. (UE) n. 2020/974 della Commissione del 06/07/2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea serie L 215 del 07/07/2020 Il Pecorino del Monte Poro DOP è un formaggio prodotto con latte di pecora crudo e intero. La zona di allevamento, di produzione e di stagionatura del Pecorino del Monte Poro è rappresentata esclusivamente dai seguenti comuni della provincia di Vibo Valentia tutti appartenenti al comprensorio del Monte Poro: Joppolo, Spilinga, Zungri, Rombiolo, Nicotera, Limbadi, Zaccanapoli, Drapia, Filandari, Briatico, Ricadi, Maierato, Mileto, San Calogero, Parghelia, Pizzo Calabro, Stefanaconi, Filogaso, Tropea, San Costantino Calabro, San Gregorio d’Ippona, Sant’Onofrio, Vibo Valentia, Zambrone, Cessaniti, Ionadi, Francica Ha una forma rotonda con facce piane, la struttura della pasta è compatta con eventuale leggera occhiatura ed il colore varia dal bianco al paglierino più o meno intenso a seconda del periodo di stagionatura. Il sapore è fragrante, pastoso con aromi di fiori selvatici, di macchia mediterranea, di fieno e con un retrogusto lievemente nocciolato Il Pecorino del Monte Poro Dop può essere commercializzato fresco, semistagionato e stagionato

Pagina 7 di 583
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni