Assovini
Assovini

Assovini

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

D.O.P. registrata con Reg. (CE) n. 1263 del 01/07/1996 pubblicato su G.U.C.E. n. 163 serie L del 02/07/1996 e con Reg. (CE) n. 1204 del 04/07/2003 pubblicato su G.U.C.E. n. 168 serie L del 05/07/2003 Il Caciocavallo silano D.O.P. è un formaggio semiduro a pasta filata prodotto nei terrori delimitati delle regioni Calabria, Campania, Molise, Puglia e Basilicata utilizzando esclusivamente latte di vacca intero proveniente da non più di quattro munte consecutive dei due giorni precedenti. La durata minima del periodo di stagionatura è di 30 giorni, ma può protrarsi più a lungo. Al consumo il prodotto è di forma ovale o tronco-conica, con o senza testina, con presenza di insenature dipendenti dalla posizione dei legacci. Il sapore aromatico, piacevole, delicato e tendenzialmente dolce per i formaggi giovani tende a divenire piccante a maturazione avanzata. Ogni forma ha un peso compreso tra 1 kg e 2,5 kg e reca impresso termicamente il contrassegno identificativo del caciocavallo silano.

D.O.P. registrata con Reg. Ce n. 134/98; successiva modifica approvata con Regolamento di esecuzione (UE) della Commissione del 23/07/15, pubblicato in GUUE L 198/13 del 28/07/15 La zona di produzione del “Capocollo di Calabria” ricade nell’intero territorio della Regione Calabria I suini devono essere nati e allevati in Calabria e devono presentare le caratterisitiche proprie del suino pesante italiano impiegando razze tradizionali di taglia grande quali la Apulo-Calabrese, la Large White e la Landrace Italiana. Il “Capocollo di Calabria” è preparato utilizzando le carni della parte superiore del lombo dei suini, disossato e quindi salato a secco o in salamoia, con sale da cucina macinato. Il taglio di carne selezionato dal lombo, per la confezione del capocollo, deve presentare uno strato di grasso di circa 3-4 mm per mantenerlo morbido durante le fasi della stagionatura e migliorarne le caratteristiche organolettiche. La salatura dura da quattro a quattordici giorni, dopo di che il capocollo viene levato con acqua, bagnato con aceto di vino, e sottoposto alle operazioni di “massaggio” e “pressatura”, aggiunto degli altri ingredienti e avvolto in diaframma parietale suino. Infine si procede alla tradizionale legatura, in senso avvolgente, con spago e alla foratura dell’involucro. Nella fase di legatura è consentito l’utilizzo delle caratteristiche stecche. Segue un periodo di stagionatura per non meno di cento giorni dalla data della avvenuta salatura. Il “Capocollo di Calabria”, all’atto dell’immissione al consumo presenta le seguenti caratteristiche: forma cilindrica, avvolto in pellicola naturale, e legato con spago in forma avvolgente. Alla vista presenta un colore roseo o rosso più o meno intenso per la presenza di pepe nero o di peperoncino/peperone (genere Capsicum L.) rosso. Al taglio si presenta di colore roseo vivo con striature di grasso proprie del lombo suino. Il sapore è delicato e si affina con la maturazione; il profumo è caratteristico e di giusta intensità. Il “Capocollo di Calabria” può essere immesso al consumo in pezzi singoli, ovvero confezionato sottovuoto o in atmosfera protettiva, intero, in tranci o affettato.

Fritturina di calamari e gamberi / Sicilia DOC - Grillo 1874


Fritturina di calamari e gamberi

 

Ricetta del territorio: Sicilia

Piatto di portata: Secondo

Pietanza a base di: Pesce

Preparazione: Facile

Dosi per: 6 persone


  • INGREDIENTI

    • Kg. 1,500 di gamberi e calamari freschissimi.
    • Farina 00.
    • Semola di grano duro.
    • Sale.
    • Olio di semi di arachidi.

  • PREPARAZIONE

    1. Pulite e tagliate i calamari ad anelli
    2. Pulite i gamberi e togliendo le zampe (se preferite togliete anche il guscio)
    3. Mettete a scladare l'olio in una friggitrice
    4. Miscelate le farine: 2 parti di semola e uno di farina e infarinate il pesce
    5. Appena l'olio raggiunge la temperatura di 180° immergete per prima i calamari e cuoceteli poco per volta;
    6. Finiti i calamari friggete i gamberi
    7. Mescolate calamari e gamberi, mettere un pizzico di sale e portate in tavola ben caldi.


 

Booking.com

 

Risotto zucchine e gamberi / Vino Inzolia IGP Terre Siciliane


Risotto con Zucchine e Gamberi

 

Ricetta del territorio: Sicilia

Piatto di portata: Primo

Pietanza a base di: Pesce

Preparazione: Facile

Dosi per: 4 persone


  • INGREDIENTI

    • gr. 360 Riso Vialone nano
    • gr. 400 Zucchine
    • gr. 300 di Gamberi sgusciati
    • dl. 1 di Olio EVO
    • 2 Scalogni
    • 4 foglie di Basilico
    • Mezzo bicchiere di Vino Bianco
    • 1 lt. di Brodo vedetale
    • Sale
    • Pepe

  • PREPARAZIONE

    1. In una padella antiaderente scaldate l'olio e fate soffriggere gli scalogni tritati
    2. Aggiungete le zucchine tagliate a dadini e lasciate cuocere 5 minuti
    3. Aromatizzate con basilico fresco, regolate di sale e spegnete il fuoco dopo 2 minuti.
    4. In una padella pulita mettete altro olio e fate tostare il riso e sfumate con il vino bianco
    5. Quando tutta la parte alcolica del vino sarà evaporata aggiungete anche una parte di brodo vegetale e regolate di sale e lasciate cuocere.
    6. Cinque minuti circa prima della cottura totale, aggiungete le zucchine e i gamberi, mescolate e ultimate la cottura.
    7. A fuoco spento mantecate con un filo di olio.
    8. Servite il risotto caldo

Pagina 17 di 584
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni