L’Aglianico»  è una varietà di vitigno coltivata nell'area meridionale italiana che si caratterizza per il numero elevato di biotipi e sottovarietà. I vari sinonimi, spesso derivanti dalla distorsione dei nomi Hellenico e Aglianico o all’aggiunta di toponimi che nel tempo gli sono stati attribuiti, dimostrano l’ampia diffusione passata e presente dell’uva Aglianico.

Questa ricorrenza, diventata ormai una tradizione, dà il via alla nuova "annata" del vino che si celebra nei giorni 10 e 11 novembre con una serie di manifestazioni che vedono protagonisti eno-appassionati e produttori darsi appuntamento in cantina per degustare il vino nuovo, ovvero il Vino Novello dell'ultima vendemmia che si caratterizza per la particolare piacevolezza di beva.

Bisogna tornare indietro di due secoli per scoprire le origini del vitigno Ortrugo. Ne parla per la prima volta Giulio Bramieri definendola Altruga, ovvero "Altra Uva", per distinguerla da quelle più pregiate con le quali veniva assemblata.

Il Nebbiolo è il vitigno piemontese per definizione che riflette in modo inconfondibile il suo legame con il territorio d’elezione, le Langhe, in provincia di Cuneo. Qui raggiunge splendidi risultati di eccellenza qualitativa grazie alle favorevoli condizioni pedoclimatiche che consentono la produzione di vini potenti ed eleganti, ricchi di estratto e di tannini, particolarmente adatti a lunghi affinamenti.

Pur avendo origini incerte, studi scientifici sono concordi nell’attribuire la sicilianità del vitigno Inzolia. Lo sbarco sull’isola sarebbe avvenuto molti secoli or sono, verosimilmente riconducibile al periodo della dominazione normanna nel Mediterraneo orientale. Di qui si sarebbe poi diffuso dapprima in Sardegna e poi in Toscana, dove, restando fedele alla vocazione isolana, avrebbe trovato una patria d’elezione sull’isola d’Elba e in misura minore sull’isola del Giglio.

Per molto tempo scambiato per il più noto Coda di Volpe, il vitigno Caprettone è venuto alla ribalta nel 2014 con l'inserimento della varietà nel Registro nazionale delle varietà di vite (Mipaaf), catturando l'attenzione di tanti sommelier ed estimatori, che stanno contribuendo efficacemente al posizionamento del vino sulle principali piazze internazionali.

Come tutte le eccellenze vinicole italiane, anche il Lambrusco, il vino rosso frizzante più famoso al mondo, ha molte cose da raccontare: da dove proviene, come viene vinificato, quali sono le caratteristiche che lo differenziano e lo rendono davvero unico.

I metodi di produzione delle bollicine, ovvero le pratiche enologiche di vinificazione dei Vini Spumanti si sviluppa in due fasi:

Camporeale Day 5^ Edizione - Evento di promozione del territorio dell'Alto Belice e dei prodotti tipici del vino, del cibo e dell'artigianato locale.

Un Pinot nero d'eccezione quello contenuto in 2 bottiglie di Romanée-Conti, un prestigioso (forse il più prestigioso al mondo) vino rosso francese della Borgogna, prodotto in vigneti risalenti al 1500.

Pagina 1 di 4
Oltre 300 buyers, tra Importatori, Grossisti e Distributori in 70 paesi del mondo, sono le collaborazioni attive di Assovini.it

Assovini

Assovini.it è il sito del Vino e delle Cantine ideato nel 1986 e realizzato da un team di Sommelier con la collaborazione di Enologi e Produttori per diffondere i migliori Vini italiani nel mondo.

  • Referente: Salvo Spedale - Sommelier AIS
  • Telefono: +39 389-2856685
  • Email: info@assovini.it

 

Pubbliche Relazioni